La sala di mescita del termopolio

Il Termopolio in Via di Diana

Uno dei miei posti preferiti a Ostia antica è il termopolio, un bar tavola calda vicino all’Insula di Diana.

Consiste di tre spazi: quello centrale preserva il bancone in marmo dove venivano venduti cibi e bevande sia all’interno, che all’esterno verso la strada. Lungo i muri si vedono delle mensole usate per l’esposizione di tutti i prodotti. Molto interessante e’ l’affresco, che si trova sopra una scaffalatura di marmo nella stanza: a destra un melograno, nel centro un vaso di vetro con delle uova e a sinistra sul piatto delle verdure.

L'affresco della sala di mescita (l'ambiente 6 del termopolio)

L’affresco della sala di mescita del termopolio

Nella sala accanto vediamo il magazzino, cioè un grande vaso di terracotta, chiamato dolium, interrato per buona parte, dove conservarono diversi cibi. Interrare i vasi aveva due vantaggi: il buio e una temperatura costante.

Nella terza stanza si conserva ancora il classico pavimento a mosaico in bianco e nero con forme geometriche. Questo era il luogo dove i clienti probabilmente mangiavano. Di solito si raggruppavano tre sedie intorno a un tavolo in forma di ferro di cavallo. Per mangiare all’esterno c’era un cortile con un bacino di marmo al centro.

Il cortile del termopolio

Il cortile del termopolio

Jeanette Langer

Share this Article in Social Media